Casa in campagna
Informazioni
TrovaOstia
Rubriche
Area Interattiva
Curiosità
SERVIZI OSTIALIDO.IT
IL FARO....CERCANDO UNA POSSIBILE DIREZIONE  

a cura dello STUDIO ASSOCIATO DI PSICOLOGIA E PSICOTERAPIA
Via dei Navicellari, 3 - int.11 - 00122 - Ostia Lido (RM) - Tel. 347 4935246 - 347 6803276

Rubriche
Storia di Ostia
Architettura di Ostia
OstiaTube - I Video
ingiroIn giro per le strade...
Sport in spiaggia
Ostia dà i numeri!
Ostia HELPs!
Il FARO - Psicologia
Cartoline di Ostia
Condizioni Meteo

Informazioni
Eventi ad Ostia
Norme Balneazione
Demografica Ostia
Linee Autobus Ostia
Mappa di Ostia

Shopping
Shopping a Ostia
Articoli da regalo
Abbigliamento
Mutui ad Ostia
Ag. Immobiliari Ostia
Scuole private
Bomboniere
Intrattenimento ad Ostia

Turismo
Viaggi e Turismo
Hotels di Ostia
Bed & Breakfast
Camping di Ostia
Pizzerie
Ristoranti del Lido
Pub & Disco
Teatri di Ostia
Stabilimenti Balneari
Ostiaantica.net
Le nostre recensioni
 1000 CLICKs!

CuriositÓ
Intitolate a.......
Manuale del Bagnante
 Sculture di Sabbia
I papà di Ostia
I personaggi di Ostia
I giorni che mancano!
WallPaper di Ostia

Area Interattiva
Mercatino del Lido
Sondaggio di Ostia
OSTIABLOG
Udite...udite

Servizi per aziende
Servizio BANNER
 Ostialido.it in numeri
Ostialido.it ai raggi X

L'ADOLESCENZA E L'ADOLESCENTE

(OSTIA LIDO, 30 Luglio 2012)

Parola d’ordine: “fase di transizione”.

La questione è che il “transito” non deve essere considerato solo nell’espressione di sé dell’adolescente, ma anche la famiglia- soprattutto i genitori- deve “transire” senza essere intransigente ma contenitiva.

Cerchiamo, dunque, di entrare in quel q.b. (acronimo di “Quanto Basta”) di quelle ricette che ai principianti, quindi inesperti di dosaggi, mette ansia e procura disorientamento. Così come accade ai genitori.

In precedenti riflessioni abbiamo accennato a quello che viene definito “ciclo di vita” di un individuo le cui tappe essenziali sono definite dal passaggio da una fase evolutiva all’altra (dall’infanzia all’adolescenza, dall’essere lavoratore all’essere pensionato, dall’essere coppia all’essere genitori, ecc.). Dunque l’adolescenza rappresenta proprio la fase di transizione dall’essere bambino all’essere giovane adulto. In questo passaggio conseguentemente cambiano anche le esigenze: dalle figure di riferimento ci si aspetta, più o meno in maniera consapevole, qualcosa di differente dalla sola protezione o accudimento. D’altro canto le trasformazioni sia fisiche sia psicologico-affettive portano cambiamenti nella sfera cognitiva e relazionale. Per non correre il rischio di vedere l’adolescente solo in balia di tempeste ormonali con comportamenti di rivolta e conflitto, è necessario collocarlo all’interno del suo sistema di vita fatto di rapporti sociali e familiari. Dunque si deve far emergere l’adolescenza come un periodo di trasformazioni sia interiori sia esterne al sé, sia intra che extra familiari. In questa fase sono vari gli attori che possono concorrere a facilitare o ostacolare lo sviluppo psicologico del ragazzo/a. Attorno a lui/lei gravitano i genitori, i familari, i coetanei, gli insegnanti/educatori (di scuola, sport, centri culturali, sociali, parrocchie), in alcuni casi anche gli psicologi.

Rispetto al rapporto con gli adulti, ed in particolare i genitori, ciò che si attiva è una sorta di emancipazione dalla relazione accudente a quella in cui il giovane si incanala (e gli deve essere permesso di farlo) verso una maggiore autonomia. Le due dimensioni relazionali essenziali in questo processo sono l’individuazione e la separazione. Da un lato c’è il bisogno di indipendenza. L’adolescente non sente più di essere simile ai genitori, il vissuto di appartenenza vacilla. Si avvia un processo di identificazione con altre figure. Pur rimanendo legato ai genitori, anche se in maniera ambivalente, alterna momenti in cui emerge il bisogno di indipendenza ad altri in cui sente la necessità di protezione e di mantenere il legame con le cure parentali.

D’altro canto, anche i genitori incontrano difficoltà tra il dosare, il concedere maggiore autonomia, il riconoscere l’individualità dell’essere in crescita del proprio figlio ed il cercare di essere ancora la figura accogliente, accudente, protettiva. Genitori e figli sono accomunati dal non sentirsi più, nel gergo comune, “né carne né pesce”. Gli adulti corrono il rischio di passare da un eccessivo permissivismo ad un altrettanto eccessivo controllo provocando nel ragazzo/a sentimenti di insicurezza, frustrazione, incomprensione, rabbia.

Il timore di non essere compresi dai genitori o addirittura puniti per i comportamenti ritenuti inadeguati da questi ultimi, spinge il ragazzo/a a rifugiarsi nella relazione con i pari, vissuti come di supporto e maggiormente comprensivi. E così i coetanei da compagni di gioco o di studio possono diventare punto di riferimento, stimolatori di emozioni spesso da condividere; possono fare da specchio per confermare i comportamenti sociali e per fornire un appoggio al bisogno di sostegno e cura, sino ad allora prerogativa della relazione con i genitori. Nei coetanei l’adolescente cerca, quindi, conferma e approvazione all’immagine corporea che cambia e riconoscimento nella sfera emotiva dei propri sentimenti e bisogni.

Il conflitto dell’adolescente con il proprio mondo di vita viene visto da molti adulti come esclusivamente negativo. E’ sicuramente faticoso, di difficile gestione sia per i figli quanto per i genitori o adulti significativi. Permette all’adolescente, però, attraverso il suo chiarimento e superamento, di sviluppare delle abilità sociali che abitueranno il giovane all’ascolto, al riconoscere e accettare le opinioni degli altri per negoziarne delle altre con se stesso e con l’esterno. Difatti, dai tanti studi effettuati sullo sviluppo socio-emotivo dell’adolescente che arriva ad essere adulto, emerge che i giovani che diventano più serenamente autonomi e indipendenti sono quelli che durante l’adolescenza hanno avuto i genitori (o uno dei genitori) pronti ad accoglierli, ad ascoltarli, a confortarli nei momenti di paura, ma nello stesso tempo anche pronti ad indicare loro le corrette regole per riconoscere e rispettare se stessi e gli altri; genitori che non hanno negato e rifuggito la relazione difficile o anche conflittuale con il figlio/a adolescente ma hanno fatto da sponda agli eccessi comportamentali non giudicandoli ma comprendendoli e mantenendo il rispetto per il figlio come persona a sé e non come un derivato di sé.


a cura dello STUDIO ASSOCIATO DI PSICOLOGIA

Questo articolo Ŕ stato letto 1278 volte

 


COSIARTE

Eventi in campagna Country - Roma Nord

Eventi in campagna Country - Roma Nord

PUBBLICA IL TUO BANNER QUI!

Servizi per aziende Shopping Sondaggio Mappa di Ostia  L'Editoriale Ostia HELPs
Eventi I papà di Ostia Udite...udite! Intitolate a...  Salute a Ostia Recensioni
condizioni generali - politica privacy - copyright@www.ostialido.it